Re LeBron, principe Ant e un passaggio di consegne inseguendo l'oro

2 giorni fa 3

il focus

Contenuto premium

Quando James giocava la sua prima partita in nazionale Edwards aveva due anni. Il primo a quasi 40 anni è ancora un gigante, l'altro sta guadagnando sul campo i gradi di superstar, insieme dovranno guidare gli Usa a Parigi

Riccardo Pratesi

10 luglio - 14:50 - MILANO

James e Edwards sono le facce da copertina di Team Usa che da fine mese comincerà l’avventura olimpica con la medaglia d’oro come “obbligo” di conquista. Da stanotte si fa sul serio: giocherà a Las Vegas contro il Canada e sarà una prova, più che un’esibizione. LeBron ha 39 anni, Ant 22. Potrebbero essere padre e figlio. Fenomeni generazionali, i primattori tra i 12 campioni della nazionale americana, che stavolta ha reclutato i “big” per Parigi 2024. Chissà che in Francia non ci sia il passaggio di consegne, quello tra il Re e il Principino che a quello scettro di riferimento americano punta senza giri di parole. L’altro però non molla un centimetro, insaziabile di riconoscimenti e trofei, perfettamente a suo agio nel ruolo di Re Sole, col mondo del basket statunitense che ruota attorno a lui. Rivali con Lakers e Wolves, di fianco con la maglia a stelle e strisce. Storie in parallelo, gemelli diversi, campioni polarizzanti. Quando LeBron 20 anni fa fece la sua prima apparizione con Team Usa, assieme a Melo Anthony e a Flash Wade, Edwards aveva 2 anni. Assieme ci faranno divertire e discutere questa estate…

Abbonati, puoi disdire quando vuoi.

Leggi l’intero articolo