Ibra chiama, Morata dice sì: già lunedì può essere del Milan

2 giorni fa 6

Zlatan ha telefonato all'attaccante spagnolo, spiegandogli che in casa rossonera tutti lo ritengono il rinforzo giusto per le sue caratteristiche tecnico-tattiche, ma anche umane. Restano da definire solo alcuni dettagli sul contratto

Andrea Ramazzotti

Giornalista

9 luglio - 23:15 - MILANO

Una chiamata ti allunga la vita. Come recitava un famoso spot televisivo ormai qualche anno fa. Nel caso di Alvaro Morata una chiamata, quella ricevuta da Zlatan Ibrahimovic, è destinata a cambiargli la carriera. Perché lo svedese, dallo scorso dicembre senior advisor di Cardinale, lo ha convinto a lasciare l'Atletico Madrid, a indossare la maglia del Milan e a tornare in Italia, il Paese natale della moglie Alice. Non vivrà nell'amata Torino, dove è stato negli anni trascorsi alla Juventus, ma difficoltà di ambientamento a Milano non ne avrà. Aveva accarezzato l'ipotesi di prender casa nel capoluogo lombardo anche la scorsa estate quando a corteggiarlo era stata l'Inter (oltre agli interessamenti di Juventus e Roma). Adesso il trasloco in Lombardia diventerà realtà grazie alla promessa fatta al dirigente svedese, alla ricerca dell'attaccante ideale dopo la fumata nera sulle commissioni con l'agente di Zirkzee. 

morata, un valore aggiunto per il milan

—  

Nell'ottica di decisioni che in via Aldo Rossi vengono prese collegialmente, avere dalla propria parte un ex campione conosciuto in tutto il pianeta come Ibra dà un indubbio vantaggio. Perché se Furlani è stato ed è importante per chiudere in attivo il secondo bilancio di fila e Moncada ha l'occhio per scovare a prezzi accessibili elementi funzionali al progetto, Ibrahimovic dalla sua parte ha la forza di influenzare la decisione di ex colleghi che magari lo hanno pure avuto in passato come idolo. Il capitano della Spagna aveva giurato fiducia all'Atletico tramite i social otto giorni fa, quando aveva rifiutato una ricca offerta arrivata dall'Arabia Saudita ("Non riesco a immaginare come sarà vincere con questa maglia e non mi fermerò finché non ci riuscirò"), poi evidentemente è squillato il telefono e Zlatan ha fatto… il suo lavoro, spiegandogli che a Milanello tutti lo ritengono il rinforzo giusto per le sue caratteristiche tecnico-tattiche, ma anche umane. Una mano, in seconda battuta, a Ibra l'ha data anche Fonseca perché Alvaro, che non sempre si è sentito centrale nel progetto tattico di Simeone, aveva bisogno di avere rassicurazioni dal tecnico portoghese. Ottenute pure quelle, si è promesso al Milan. Restano da definire alcuni dettagli sull'accordo economico con il giocatore: il Milan gli ha proposto un triennale da quattro milioni netti a stagione, più bonus, mentre il trentunenne madrileno chiede un quadriennale, ovvero un accordo fino al 2028, a una cifra più alta, intorno ai cinque milioni. Adesso ne guadagna cinque e mezzo fino al 2026 e siccome sa che quello con il Diavolo sarà con ogni probabilità l'ultimo contratto "pesante" della sua carriera, punta a ottenere il massimo e a non trasferirsi più.

i sette giorni per morata al milan

—  

L’attuale differenza tra domanda e offerta per quel che riguarda lo stipendio non farà saltare l’affare se l’attaccante, al termine dell’Europeo, confermerà la sua decisione di lasciare Madrid per tornare in Italia. Una scelta che sembra scontata dopo il suo sfogo di lunedì («In Spagna non c’è rispetto, per me è molto difficile essere felice nel mio Paese») e quello della moglie Alice di ieri su Instagram. L’ingaggio di Morata in ogni caso rispetterà i parametri di via Aldo Rossi che ha fissato il tetto a 6,5 milioni netti, quelli percepiti da Leao. E anche per quel che riguarda il costo del cartellino, la cifra è abbordabile visto che Alvaro ha una clausola rescissoria da tredici milioni attivabile durante il mercato estivo. Non c’è una finestra dall’1 al 15 luglio o dall’1 al 31 luglio. Ecco perché la dirigenza rossonera non ha fretta. Ciò premesso, la linea l’ha dettata Ibrahimovic lunedì in conferenza stampa, quando gli è stato fatto notare che i tifosi vogliono il nuovo bomber. «Dio non ha creato il mondo in un giorno. Ha avuto bisogno di sette giorni e questo è il primo» ha sottolineato con un sorrisino dipinto sul volto. Il tempo scade domenica, quando è in programma la finale dell’Europeo, poi Morata andrà in vacanza. Prima però vuole aver definito il futuro. Con una chiamata all’Atletico per comunicare ai colchoneros la sua volontà. A quel punto sarà solo necessario far partire il bonifico e il Milan avrà il suo attaccante.

Leggi l’intero articolo